Amministratore di condominio: funzioni e competenza

Amministratore di condominio: funzioni e competenza

Amministratore di condominio: funzioni e competenza

L'amministratore è il soggetto indicato dalla compagine condominiale di occuparsi dell'amministrazione dello stabile, della sua gestione, del rispetto del regolamento e della tenuta della contabilità. Ha competenze molto diffuse che spaziano dalla manutenzione ordinaria alla conservazione e tutela dei beni comuni. Le sue attribuzioni sono di natura esecutiva ed amministrativa. Infatti, oltre a dare attuazione alle delibere assemleari, si occupa anche di adempimenti fiscali e tributari.

Questa particolare figura è legata ai condomini da un rapporto di mandato con rappresentanza disciplinato dall'art. 1703 c.c.. Si ricorda, a tal proposito,il mandato è il contratto con cui il mandatario, che in tal caso è l'amministratore, si obbliga a compiere uno o più atti giuridici per conto del mandante (i condomini). Pertanto, il professionista, in qualità di mandatario, soggiace alle regole dettate dal Codice Civile in relazione a questa fattispecie contrattuale.

Le funzioni

La necessaria premessa è che nello svolgimento del suo incarico l'amministratore di condominio deve impiegare la diligenza del buon padre di famiglia (art. 1710 c. 1 c.c.). 

Le principali attribuzioni dell'amministratore di condominio sono contenute nell'art. 1130 c.c. anche se il regolamento condominiale può contenere ulteriori previsioni a riguardo. Tutti i provvedimenti adottati dal professionista sono obbligatori per i condomini (art. 1133 c. 1 c.c.).

La norma individua le attività di ordinaria amministrazione in cui si sostanzia l'incarico dell'amministratore mentre per gli atti di straordinaria amministrazione occorre un'espressa deliberazione assembleare. 

  • Eseguire le deliberazioni dell'assemblea, convocarla annualmente per l'approvazione del rendiconto condominale e curare l'osservanza del regolamento condominiale  (art. 1130 n.1);
  • disciplinare l'uso delle cose comuni e la fruizione dei servizi nell'interesse comune (art. 1130 n.2);
  • riscuotere i contributi ed erogare le spese occorrenti per la manutenzione ordinaria delle parti comuni dell'edificio e per l'esercizio dei servizi comuni (art. 1130 n.3);
  • compiere gli atti conservativi relativi alle parti comuni dell'edificio (art. 1130 n.4);
  • eseguire gli adempimenti fiscali (art. 1130 n.5);
  • curare la tenuta del registro dell'anagrafe condominiale nonchè ogni dato relativo alla sicurezza dell'immobile (art. 1130 n.6);
  • curare la tenuta del registro dei verbali delle assemblee, del registro di nomina e di revoca dell'amministratore e del registro di contabilità ... (art. 1130 n.7);
  • conservare tutta la documentazione inerente alla pripria gestione riferibile sia al rapporto con i condomini sia allo stato tecnico - amministrativo dell'edificio e del condominio (art. 1130 n.8)
  • fornire al condomino che ne faccia richiesta l'attestazione relativa allo stato dei pagamenti degli oneri condominiali e delle eventuali liti in corso. (art. 1130 n.9);
  • rendiconto condominiale annuale della gestione e convocazione dell'assemblea per la relativa approvazione entro centottanta giorni.

Chi può svolgere le funzioni di amministratore di condominio?

L'art 71 bis delle disposizioni attuative del codice civile indica chiaramente i requisiti necessari per svolgere la funzione di amministratore di condominio. Essi sono:

  1. avere godimento dei diritti civili;
  2. non essere stati condannati per delitti contro la pubblica amministrazione, l'amministrazione della giustizia, la fede pubblica, il patrimonio e per ogni altro delitto non colposo per il quale la legge commina la pena della reclusione non inferiore, nel minimo, a due anni e , nel massimo, a cinque anni;
  3. non essere sottoposti a misure di prevenzione divenute definitive, salvo che non sia intervenuta la riabilitazione;
  4. non essere stati interdetti o inabilitati;
  5. il nome non deve risultare annotato nell'elenco dei protesti cambiari;
  6.  aver conseguito il diploma di scuola secondaria di secondo grado;
  7. aver frequentato un corso di formazione iniziale e svolgere attività di formazione periodica in materia di amministrazione condominiale. 

Si tratta di un lavoro sempre più ambito perchè permette di sviluppare una carriera con guadagni importanti pur non richiedento particolari titoli di studio.